giovedì 1 dicembre 2011

Ford: Anche L'automobile ha un futuro "Cloud"

Nell’ultimo periodo stiamo sentendo parlare di "cloud" in tutte le salse: il concetto in parole povere è che i nostri dati, anziché essere sui dispositivi, sono sempre accessibili in rete attraverso qualsiasi device autorizzato. Lo stesso principio secondo Ford sarà applicato nei prossimi anni alle automobili: l’auto sarà costantemente connessa, accederà al profilo cloud del guidatore, e si adatterà di conseguenza. Verranno memorizzati non solo gli stili di guida, ma anche tutta una serie di informazioni utili che permetteranno di adeguare il comportamento dell’automobile alle esigenze del guidatore. Alla presentazione della nuova Ford Evos (la concept car nella foto) Ford ha illustrato alcuni casi tipici di quella che sarà l’esperienza cloud in auto. Se il guidatore per esempio soffre di allergie, il navigatore propone strade alternative usando i dati sull’inquinamento dell’aria raccolti in rete. Ma non solo: se la sveglia di casa è programmata per le 7, ma la macchina "si accorge" dalle informazioni sul traffico che la strada per l’ufficio è intasata per un incidente, la sveglia viene automaticamente anticipata. La macchina dialoga anche con il termostato di casa, preriscaldando l’abitacolo alla stessa temperatura che c'è in casa, e adegua le sue playlist e le tracce memorizzate nel sistema di home entertainment con quello casalingo. Quindi non servirà più portare in giro CD o chiavette: in auto potremo ascoltare la stessa musica che abbiamo a casa senza portarci dietro nessun supporto. Stesso discorso con i video. Ma quanto è lontano questo futuro? Secondo Ford non molto, anzi: le prime evoluzioni si potranno già vedere nei prossimi anni. 
(Fonte award.mediaworld.it)


L'obiettivo è stabilire secondo Ford "attraverso l'auto, una connessione personalizzata e sicura tra l'individuo e il mondo esterno". Grazie alle informazioni memorizzate nel profilo e alla comunicazione wireless, la Ford Evos Concept permette di continuare a svolgere sena interruzioni anche in auto attività legate al proprio stile digitale, interfacciandosi con i social network o con i dispositivi di riproduzione musicale. Addirittura, la macchina riconosce il guidatore e adatta automaticamente la dinamica di guida, la risposta dello sterzo e le regolazioni del motore. Un esempio? La Ford Evos Concept può automaticamente sintonizzarsi sul programma di musica o di informazione che il cliente stava ascoltando in casa, o regolare la temperatura dell'abitacolo prima che il guidatore entri nell'auto senza necessità di un suo intervento (prevede l'orario di partenza in base alla sua agenda o alle sue abitudini). È una tecnologia, quella della Ford Evos Concept, in grado di imparare e memorizzare le abitudini e la bravura del guidatore, e di combinare queste informazioni con quelle relative alla strada e al meteo. In più, la Evos tiene sotto controllo alcuni parametri dello stato fisico, la stanchezza e l'attenzione del guidatore, e sceglie automaticamente le migliori impostazioni per garantire una maggiore sicurezza. Soffrite di allergie primaverili? No problem: avanzati sensori per l'analisi della qualità dell'aria e di filtri per venire incontro a chi soffre di allergie. In base al luogo in cui si trova, la Evos può accedere, grazie alla tecnologia clou, ai dati sulla qualità dell'aria, ed evitare i percorsi dove l'aria è particolarmente inquinata.

1 commento:

huckleberry ha detto...

Davvero niente male.