martedì 6 dicembre 2011

Sempre più verso una mobilità sostenibile, questionario per i dipendenti

Avviato un sondaggio on-line per conoscere le modalità di spostamento casa-lavoro dei dipendenti del Gruppo FS.  Trovare possibili soluzioni alternative di trasporto per raggiungere il lavoro, in maniera meno inquinante e più economica, ad esempio attraverso l’uso dei mezzi pubblici, o attraverso la condivisione dei mezzi privati. Sottoscrivere accordi con le agenzie di mobilità territoriali per individuare soluzioni vantaggiose per l’ambiente e per i dipendenti. Questi ed altri gli obiettivi dei Mobility Manager, nominati in ciascuna delle principali società del Gruppo Ferrovie dello Stato, e nelle principali città, per proporre ai dipendenti alternative negli spostamenti casa-lavoro che vadano nel senso della sostenibilità. Un compito importante, che risponde alla vocazione ambientale del Gruppo, e che richiede innanzitutto una conoscenza delle abitudini di mobilità dei dipendenti per raggiungere la sede di lavoro. E, proprio per avere una mappa dei flussi, dei percorsi e dei mezzi utilizzati (auto privata, mezzi pubblici etc) è stata avviata su base cittadina una indagine con un questionario da compilare on-line. 
 Il sondaggio, già avviato, riguarda tutti i ferrovieri che hanno sede di lavoro in una delle 14 città in cui è stato nominato almeno un Mobility Manager: Roma, Milano, Torino, Verona, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Napoli, Bari, Foggia, Reggio Calabria, Messina, Palermo.
 Progressivamente, i lavoratori di queste città riceveranno una e-mail con l’invito a compilare il questionario e il relativo link. Il questionario è semplice (si compila in 5 minuti), anonimo, ed è accessibile da qualsiasi computer, dal lavoro come da casa, da smartphone e da tablet. La partecipazione è chiaramente volontaria, ma quanto più saranno numerose le risposte tanto più sarà possibile delineare un quadro aderente alla realtà e implementare interventi efficaci di mobilità sostenibile, con effetti positivi sulla qualità della nostra vita lavorativa e dell’ambiente urbano in cui viviamo.

Nessun commento: