lunedì 9 gennaio 2012

PRONOSTEGO 2012

Eccome qua, come ogni epifania
a dirve come che voemo che la sia
parlo e penso come che mastego
e adesso ve lezarò el pronostego

l' ano passà cari tosatti
xe successo tanti fatti
tanto brutti e tanto seri
che a volte no i par veri

terremoti, innondassion, valanghe e frane
e tante altre robe alquanto strane
ga dimostrà a 'l mondo intiero 
che semo deboli par davvero

a fukushima 'na centrale xe crollada
semenando veleni e scorie in strada
contaminando oceani e città
sicchè el mondo se ga trovà mezo contaminà

bin laden mezo malatà
finalmente i o ga ciapà
vivo o morto gera scrito
ma un rasso lo ga fato frito

anca geddafi no ga fato tanta strada
vissin casa, quasi in entrada
i lo ga becà co la pistola d'oro
co un foglietto scritto "tra poco moro"

sto ano tutta l'africa se ga mossa
co un'aria de riscossa
tanta gente xe purtroppo morta
par vedèr la libertà risorta

i macachi al potere da tanti ani
se ga cavà i pastrani
e dopo na resitensa de facciata
i xe cascai tuti in pignata

in indonesia a fine anno
tanta acqua ga fato danno 
boteghe, industrie e abitassion
xe 'ndae soto co l'alluvion

anca l'italia no se ga salvà
co tuta l'acqua che xe cascà
in liguria, per esempio
melma e fango ga fato scempio

a napoi e scoasse
ga fato cresser e tasse
e a manovra 'na matina
ga fato aumentar anca ea benzina

el malumor e la crisi tanto ga fatto
che silvio ga avuo el so sfratto
anca ea lega ga fato divorsio
e no la xe più con lù in consorsio

par far tornar i conti
giorgetto ga assunto mario monti
el ga fato 'na rivolussion
e nol vol farne 'ndar in pension

del resto cari paesani
speremo de esser in buone mani
parchè se no la ga fata bea
semo tuti in braghe de tea

no voio illuderve davvero
ma spero che el novo no sia un ano nero
co sti ciari de luna che vien vanti
i schei che resta no xe proprio tanti

co i tassi, el spred ae stee
e finanse no e vedo tanto bee
se teniaremo e braghe vecie 
e usaremo e soite tece

gavaremo da tirar ancora la cintura
ma de questo ormai semo mostri de bravura
però, poitici permettendo
tiraremo un magro dividendo

sempre lori, la grande casta
i se magna quel che basta
lassando e fregoe ai povaretti
sti quattro ingordi maledetti

quel che ne salva cari fioi
xe che semo campagnoi
co l'ingegno e la volontà
magnaremo sempre a sazietà

i nostri campi ne darà da lavorar
ma anca tanto da magnar
parchè sto ano i ga previsto
un raccolto no proprio da bisesto

gavaremo tanto gran e tanta verdura
mai vista in tutta la pianura
e vigne cariche de graspi grossi
da far vin da impenir i fossi

certo che par far el miracolo
no ghe vol solo l'oracolo
par viver bene e con decoro
ghe vol anca tanto lavoro

raccomando a tutti quanti
de 'ndar comprar co i guanti
e la prima roba che te salta in man
varda che 'l sia prodotto italian

no daremo da magnar ai nostri operai
se compremo roba svedese o da shangaj
el futuro xe nee nostre man
solamente se compremo nostran

e par concluder cari paesani
accetto solo un battito di mani
o darghe un obolo altrimenti
al comitato festeggiamenti

che fa tante robe pa el paese
sensa domandarve tante spese
lavorando co tanto impegno
parchè Zearin sia sempre degno

mauri


Da Fb, autore Maurizio Romanello

2 commenti:

Sandra M. ha detto...

Ma che meraviglia...complimenti , davvero, all'autore. Me la son letta ad alta voce (son sola e non faccio ridere nessuno) ...è un po' come essere a teatro a vedere Goldoni.

stefitiz ha detto...

Maurizio ed io abbiamo passato un pò di anni assieme a ragioneria, uno spasso