lunedì 12 marzo 2012

Ridere

“Ridere non significa necessariamente essere incuranti, leggeri e mancare di serietà. Il riso può agire sul mentale anche più beneficamente di quell’aria grave e pensosa che molti credono essere la caratteristica del saggio. Perché nel riso ci sono energie vive che nutrono il cervello. Ridere permette anche di risollevarsi, di reagire. Nella vita di ciascuno si verificano degli avvenimenti che non si prestano subito al riso, è vero, bisogna riconoscerlo, ed è normale essere inizialmente turbati o preoccupati; ma è più facile non lasciarsi abbattere se si è abituati a vedere il lato comico di certe situazioni. Allora, non privatevi mai di questo mezzo potente che è la risata per mantenere il vostro equilibrio interiore e rendere la vostra esistenza più leggera. Si possono anche avere dei motivi per essere contrariati, tristi e scoraggiati, ma non per questo si deve accettare di rimanere in quello stato."

 Omraam Mikhaël Aïvanhov

2 commenti:

millydilorenzo.blogspot.it ha detto...

Molto bello, questo post. Gradito davvero! buon lunedi. ^_^

Sandra M. ha detto...

Sì, una persona sorridente la si accosta volentieri. Come dice la parte finale del testo...può non essere facile ma è necessario tentare.