domenica 26 agosto 2012

L'esempio della Serenissima contro il debito pubblico e i cavilli degli avvocati

"...furono promossi saggi regolamenti sulla retta amministrazione della giustizia. La negligenza, qualche volta interessata, degli avvocati aveva introdotto nelle cause infinite dispute di mera formalità e di sommo aggravio per le parti. Per ciò si nominarono cinque Correttori per ricondurre il procedere della giustizia alla primitiva semplicità. Altri cinque nobili furono scelti per eliminare gli abusi, introdotti nei prezzi delle derrate e mercanzie. Inoltre a tre senatori fu affidato l'incarico di studiare come pagare il debito pubblico; al che provvidero col togliere di mezzo tutte le spese superflue e col ridurre alla più stretta parsimonia l'amministrazione del denaro dello Stato..."


Tratto da Sebastiano Veniero e la Battaglia di Lepanto  di Pompeo Molmenti

Nessun commento: