venerdì 28 settembre 2012

Ambiente: Italia ''maglia nera'' per qualità dell'aria



In nessun paese europeo la qualità dell'aria è cattiva come in Italia. A certificare il triste primato è il rapporto 2012 dell'Agenzia Ue per l'Ambiente, presentato oggi a Bruxelles, relativo al periodo 2001-2010. Il nostro paese è quello che ha sforato più spesso i limiti comunitari per il particolato, l'ozono, il monossido di carbonio, il nickel e il benzene. Il documento dell'Unione fotografa una situazione davvero allarmante. L'Italia è tra gli Stati che nel 2010 hanno "superato più spesso" il valore limite annuale per le Pm10 (in vigore dal 2005), con Polonia, Slovacchia, Balcani e Turchia. Fuorilegge anche le concentrazioni di polveri sottili (Pm2.5), "più alte che il valore obiettivo annuale da raggiungere entro il 2010" (pure in Bulgaria, Repubblica Ceca, Polonia e Slovacchia). L'Italia ha anche i valori europei più alti di particolato (dati 2009) nelle zone rurali, insieme a Ungheria e Olanda. Unica nota positiva, il "miglioramento nel corso degli anni" del numero di sforamenti su basi giornaliera delle Pm10, tra il 2001 e il 2005 e poi nel 2010. Record assoluto in negativo per l'Italia anche sul fronte dell'ozono, dove nel 2010 i valori europei più alti sono stati registrati nell'Italia settentrionale, la cui concentrazione ha superato di oltre due volte la soglia limite. Maglia nera anche per il monossido di carbonio, di cui l'Italia è l'unico paese ad essere riuscito a sforare i limiti nel 2001, nel 2005 e nel 2010. Eccessiva poi la presenza di nickel nell'aria italiana in alcune zone, principalmente in siti industriali del Nord, e anche di benzene/benzopirene, dove tra le uniche quattro stazioni europee di misurazione a superare la soglia limite vi è la Sicilia. In Italia, ha osservato il direttore esecutivo dell'agenzia Ue dell'Ambiente, Jacqueline McGlade, "la nostra preoccupazione sono città come Milano, Novara, Bergamo e altre, che sono andate oltre i limiti di ozono, polveri sottili e altri inquinanti". Il problema dell'inquinamento nel Nord Italia, secondo McGlade, "è legato alla topografia della regione, ma anche al fatto che l'Italia è un crocevia per le masse d'aria generate dai trasporti a lungo raggio ad Est, oltre a quello che viene generato in situ". "Penso che questo - ha aggiunto - comporti una responsabilità speciale per il Nord Italia: non solo di controllare molto bene le emissioni industriali (vediamo ancora alcuni impianti inefficienti che inquinano aria e acqua)", ma anche con interventi "per piani urbani, trasporti locali, trasporto merci e ferrovie" Secondo le stime, "i cittadini europei pagano in termini di salute circa fra i 200 e 300 euro l'anno, a causa degli impianti industriali". Di qui la necessità di agire in maniera importante sulla prevenzione, "soprattutto in Italia dove c'è una popolazione che invecchia, quindi particolarmente vulnerabile agli inquinanti". Secondo il ministro dell'Ambiente Corrado Clini "l'Italia ha bisogno di una politica per la mobilità sostenibile che non abbiamo ancora. Ci sono dei luoghi dove registriamo un positivo miglioramento dei livelli della qualità dell'aria e altri casi in cui rimangono dei problemi legati prevalentemente al traffico". "Ci sono valori al di sopra dei obiettivi qualità dell'aria - ha aggiunto - che come strategia di base richiedono una gestione diversa della mobilità, riducendo il traffico privato, potenziando i servizi pubblici e promuovendo le forme di mobilità alternativa, come l'uso di biciclette o l'auto elettrica". Alla luce dei risultati del rapporto Ue chiede un rapido cambio di marcia Legambiente. "La maglia nera assegnata all'Italia per la qualità dell'aria conferma ciò che segnaliamo da tempo: nel Belpaese c'è una vera e propria emergenza smog, una malattia cronica che colpisce tantissime città italiane e che non accenna a placarsi. Le cause dell'inquinamento atmosferico sono chiare e conosciute da tempo, eppure si fa ancora troppo poco per arginare il problema", sottolinea Giorgio Zampetti, responsabile scientifico dell'associazione. Per porre "un freno all'inquinamento atmosferico in città - aggiunge Zampetti - è indispensabile adottare misure più concrete, strutturali ed efficaci come l'incremento del trasporto pubblico locale e del servizio ferroviario per il trasporto pendolare, il pedaggio urbano, l'estensione delle zone 30 e delle aree pedonali, delle corsie preferenziali per i mezzi pubblici e favorire l'incremento degli spostamenti in bicicletta lungo le strade cittadine".

Nessun commento: