lunedì 15 ottobre 2012

Vac from the sea

Secondo l’ultima stima fatta dall’Onu ci sono 100 milioni di tonnellate di materiale plastico dispersi in acqua. I rifiuti plastici richiedono migliaia di anni per degradarsi. L’acqua e i raggi ultravioletti li sciolgono lentamente in frammenti sempre più piccoli fino a spezzarli in singole molecole, difficilmente recuperabili. Questa massa continua ad aumentare e gli studi più recenti stimano una media di 46 mila pezzi di plastica per chilometro quadrato. Un numero destinato a raddoppiare nei prossimi dieci anni. Il marchio svedese Electrolux è impegnato da due anni in questa direzione e ora ha lanciato una campagna social, Vac from the sea, per promuovere il primo aspirapolvere realizzato interamente con bottiglie recuperate dal mare. La raccolta dei rifiuti avviene con immersioni subacquee o direttamente dalla superficie. Attualmente gli aspirapolvere sostenibili corrispondono al 70% delle vendite complessive dell’azienda, ma l’obiettivo è quello di raggiungere il 100%

.

1 commento:

Sandra M. ha detto...

Una azione concreta, dunque. Non solo affermazioni di principio.