mercoledì 26 giugno 2013

... 565,87 Km/litro

Sviluppato e costruito da un gruppo di studenti dell'universita' statunitense Brigham Young University di Provo, nello Utah, un veicolo che e' in grado di percorrere 565,87 Km/litro, pari ad un consumo di soli 0,17 litri/100Km. Con un solo gallone di carburante pari a 3,785 litri, riferisce il comunicato universitario, il veicolo degli studenti americani sarebbe in grado di traversare il Nord degli Stati Uniti dallo Utah al Michigan. Il leggerissimo veicolo a forma di siluro, ha permesso agli studenti di battere gli avversari nell'annuale 'SAE Supermileage Competition', concorso in cui le universita' si sfidano per stabilire qual e' il veicolo con il piu' basso consumo di carburante.
Il Concorso SAE ha avuto luogo gli scorsi 6-7 Giugno sulla pista di prova Marshall, in Michigan. Nel corso dei test gli studenti del BYU hanno totalizzato la percorrenza teorica di 1.331 miglia per gallone, pari a 565,87 Km/litro, alla velocita' media di 24 km/h con punte massime di 40 Km/h. Il team degli studenti di quest'anno si e' concentrata soprattutto sulla riduzione del peso e sulle soluzioni per ottenere la massima efficienza in termini di consumi dal motore di un 'tosaerba'. La versione 2013 del veicolo 'BYU Supermileage' pesa meno di 45 Kg che significa circa 10 Kg piu' leggero rispetto al prototipo precedente. Eric Wilcox, che ha pianificato lo studio per la perdita del peso, ha detto che e' stato rivalutato e affinato ogni singolo componente della vettura per riuscire a far 'dimagrire' la nuova concept car. ''Abbiamo risparmiato 2,3 kg costruendo da noi il motorino di avviamento e altri 2,2 Kg cambiando il tipo di batteria'' ha detto Wilcox ''Poi abbiamo alleggerito tutto cio' che era possibile alleggerire''. Per ottenere la massima efficienza nei consumi del carburante, la squadra dei giovani BYU ha aggiunto un isolamento ceramico al motore del 'tagliaerba'. Ha poi aumentato il rapporto di compressione da 8 a 1 a 14 a 1 e ha modificato il sistema di alimentazione trasformandolo in un'iniezione a controllo elettronico. ''E' un progetto interessante'' ha detto Caroline Sorensen, studentessa del team ed anche conducente del veicolo ''perche' ci permette davvero di valutare il modo ottenere la massima percorrenza a parita' di carburante utilizzato. Ora cappiamo cosa si puo' fare perche' un'auto normale possa migliorare la percorrenza/litro''. ansa.it

Nessun commento: