venerdì 6 dicembre 2013

La fine dei "bulli"

Il 31 dicembre del 2013 cesserà in tutto il mondo la produzione del Volkswagen T2, probabilmente il modello di pulmino più famoso di sempre, diffuso in decine di paesi e nel tempo diventato un pezzo della cultura pop occidentale e soprattutto di quella hippie statunitense. I T2 sono in produzione dal 1950 e secondo Volkswagen sono il modello prodotto più a lungo nella storia delle automobili. Al momento i T2 – che sono noti con molti nomi diversi, da Kombi a Bulli a Transporter – sono prodotti soltanto da Volkswagen Brasile, che ha annunciato in estate la fine della produzione per l’entrata in vigore nel paese di leggi più restrittive sulla sicurezza e l’ambiente. Le nuove norme richiedono, per esempio, l’installazione di ABS e airbag su tutte le auto nuove, cosa difficilmente realizzabile sui T2. Per l’occasione Volkswagen Brasile realizzerà un’edizione speciale di 600 vetture: avranno una carrozzeria bicolore bianca e azzurra, e alcuni dettagli vintage che richiamano i primi modelli degli anni Sessanta e Settanta. Costeranno 26 mila euro l’uno, parecchio se paragonati ai circa 15 mila euro con cui è possibile acquistare il modello precedente. I T2 sono assemblati in Brasile dal 1957: da allora ne sono stati prodotti più di 1,5 milioni di esemplari.


L’idea del pulmino venne nel 1946 a Ben Pon, un importatore olandese della Volkswagen: mentre visitava gli stabilimenti tedeschi a Wolfsburg notò un Maggiolino, prodotto sempre dall’azienda tedesca, modificato per trasportare i materiali pesanti. Pon abbozzò così lo schizzo di un pulmino partendo da un Maggiolino: il posto del guidatore era molto spostato in avanti e il pulmino poteva trasportare fino a 690 chili. Dopo tre anni il progetto andò in produzione e nel novembre del 1949 ne fu assemblato il primo modello, soprannominato Splittie perché il parabrezza era suddiviso in due parti. Nel 1951 ne fu realizzato un nuovo modello con il serbatoio posizionato davanti al cambio, la ruota di scorta dietro al sedile anteriore e un portellone posteriore, tutti elementi che furono mantenuti fino al 1967. Dal 1967 al 1979 Volkswagen realizzò più di due milioni della nuova versione di T2, che avevano invece il parabrezza unito. In quegli anni i T2 si diffusero moltissimo, soprattutto negli Stati Uniti dov’erano diventati una delle vetture preferite dei giovani e degli hippie: era molto facile ribaltare i sedili, usandolo così per fare viaggi lunghi, e trasportare oggetti grandi e larghi come surf, strumenti musicali o semplicemente stipare molta gente, motivo per cui diventarono presto uno dei simboli della cultura “on the road”. Grazie alla sua fama e diffusione, il T2 ha anche numerosi nomignoli che cambiano da paese a paese. “Kombi” deriva dalla parola tedesca Kombinationskraftwagen, che vuol dire veicolo composto; in Germania è chiamato anche “Bulli”, in Danimarca “Rugbrød”, negli Stati Uniti e in Regno Unito “Transporter”, in Olanda “Clipper”. I T2 sono stati utilizzati anche come furgoni della polizia tedesca, ambulanze, pilotina per gli aeroporti; compaiono in migliaia di foto, copertine di dischi e film e serie tv, da Little Miss Sunshine a Lost, dove un T2 fu protagonista di una scena memorabile.
Fonte : ilpost.it

 

Nessun commento: