martedì 10 dicembre 2013

Tumori in Italia

Una "relativamente" buona notizia pubblicata da repubblica.it/salute/medicina con questo post :


 In Italia i pazienti oncologici sopravvivono più a lungo rispetto alla media europea. Lo dimostra lo studio Eurocare-5, condotto dai ricercatori dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano e dell'Istituto Superiore di Sanità, e pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Oncology. L'Italia, dunque, è tra i Paesi dove a 5 anni dalla diagnosi di un tumore si sopravvive di più. Le differenze maggiori si osservano per i tumori dello stomaco (sopravvivono a 5 anni dalla diagnosi il 32% dei pazienti rispetto al 25% della media europea), del rene (67% contro il 61%), della prostata (89% contro il 83%), del colon (61% contro il 57%) e della mammella (86% contro il 82%).
 Lo studio. 'Eurocare-5' è la più vasta indagine sulla sopravvivenza per tumore, che copre oltre il 30% della popolazione europea adulta (461 milioni) e il 77% di quella infantile (59 milioni). In Europa, nonostante i miglioramenti nella diagnosi precoce e nel trattamento dei tumori dell'ultimo decennio, la sopravvivenza varia notevolmente a seconda del Paese in cui si vive. In particolare, in Europa occidentale la sopravvivenza risulta più elevata rispetto ai paesi dell'Est Europa. 
 Gli adulti. "La buona notizia è che il numero di adulti che sopravvivono almeno 5 anni dopo una diagnosi di tumore è aumentato costantemente nel tempo in tutta Europa - spiega Roberta De Angelis, ricercatrice dell'Istituto Superiore di Sanità, tra gli autori dello studio - . Questo "è in gran parte da attribuirsi all'incrementata diffusione dei programmi di screening e ai progressi dei protocolli di cura". Tuttavia "continuano a sussistere grandi differenze di sopravvivenza tra le regioni europee, differenze che si vanno riducendo per alcuni tumori, in particolare per mammella, colon retto, prostata e melanoma della pelle, ma anche ampliando per altri, come ad esempio per i linfomi".
 I bambini. Invece aumenta, in generale, la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi per tutti i tumori nei bambini: a 5 anni dalla diagnosi la sopravvivenza europea è del 79% nel periodo di studio (2005-2007) con un lieve aumento rispetto al passato (76% nel periodo 1999-2001). Gemma Gatta, ricercatrice dell'Istituto nazionale dei Tumori di Milano e tra gli autori dello studio, ha sottolineato: "Gli aumenti più significativi della sopravvivenza ai tumori nell'infanzia riguardano l'Europa orientale, dove si è passati dal 65% nel periodo 1999-2001 al 70% nel periodo 2005-2007". Però "abbiamo osservato ancora grandi differenze in Europa, che vanno da un minimo del 70% in Europa orientale fino all'80% nei paesi del nord, del centro e del sud Europa".

Nessun commento: