lunedì 30 marzo 2015

Scooterino


Scooterino, una versione a due ruote di Uber, il servizio di trasporto auto privato via app che sta spopolando nel mondo tra polemiche su concorrenza e sicurezza. Scooterino funziona sempre attraverso un'app, mette in contatto gli scooteristi con persone che devono spostarsi in città. Il sito web del servizio, che si paga via app e costa «poco più di un biglietto dell'autobus», al momento conta circa 130 scooteristi e oltre 300 passeggeri.

Il meccanismo funziona in tre step: sull'applicazione si richiede un passaggio, vedendo subito a quanto ammonta il «rimborso spese» suggerito, si accetta il passaggio offerto e, una volta a destinazione, si rimborsa lo scooterista sempre tramite l'app, collegata a carta di credito o ricaricabile, Paypal o Poste Pay. Sul fronte della sicurezza, gli scooteristi vengo «intervistati personalmente» prima di ottenere l'accesso all'app, si legge sul sito. Tra i requisiti ci sono 21 anni di età, patente valida, assicurazione in regola e scooter omologato per due persone e in buone condizioni. Il passeggero può condividere in tempo reale il tragitto e il nome dello scooterista con gli amici, sempre attraverso l'app.

Nessun commento: